Ebooks

AVANT-PROPOS
Au moment de conclure, pour moi-même, l’aventure de ces colloques, ce n’est pas sans quelque émotion que je regarde la série des actes qu’ils ont suscitée elle concrétise, de façon durable, le travail accompli et son apport, aussi bien méthodologique que scientifique. Dans ce domaine souvent quelque peu aride ou ingrat de la céramologie, liée à l’archéologie de terrain et en formant comme le langage explicite pour qui sait le déchiffrer, chacune de ces rencontres internationales-depuis la réunion initiale et fondatrice de Valbonne en 1978 – a été importante et révélatrice d’une évolution rapide et féconde de ces enquêtes. Elles ouvrent la voie, bien souvent, à de nouvellesrecherches toujours mieux contrôlées et faisant appel de plus en plus à l’archéométrie.
L’imposant volume des Actes de Venise – ville symbole s’il en est par sa place au coeur de cette région méditerranéenne d’abord privilégiée – constitue désormais dans cette série une pièce maîtresse à bien des titres. Par son ampleur et la multiplicité de ses acteurs (qui surent tous se plier à des règles strictes) comme par la richesse des interventions présentées: si les «nouvelles découvertes» forment toujours une grande partie des apports, de nouveaux thèmes se précisent. Outre les recherches consacrées à «Venise et son territoire» (significativement d’ailleurs ouvertes aussi à l’analyse des importations orientales perçues dans cette zone), les travaux sur l’évolution des techniques, lescontraintes commerciales, les contextes sociaux, structurent des parts fondamentales de ce congrès. Il s’y ajoute aussi des ouvertures intéressantes et parfois surprenantes sur la place des céramiques dans l’architecture. Ou plus audacieusement encore, des enquêtes sur l’utilisation conjointe des sources écrites et archéologiques dans le monde byzantin, sur le décor intérieur des églises de Chypre, sur les dernières découvertes effectuées récemment à Mertola dans un contexte riverain spécifique.
Comme toujours donc, mais ici avec une étendue exceptionnelle, ce congrès surprend d’abord et s’impose par l’abondance de la documentation ainsi présentée avec autant de soin que de générosité: une «mise à disposition» qui force à l’admiration comme à la gratitude envers les auteurs et les organisateurs de ce congrès, et d’abord à son maître d’oeuvre, Sauro Gelichi, qui a accepté ainsi avec son équipe, une très lourde charge. Il s’y ajoute l’affirmation d’un élargissement décisif de l’espace étudié. Centré à l’origine, par prudence comme par nécessité, sur la partie occidentale de la Méditerranée, celui-ci s’ouvre à présent – et de façon décisive – sur l’ensemble des régions méditerranéennes, et bien au-delà, sur leurs zones d’influences ou d’inspiration. Apports et échanges de plus en plus complexes, où la part des régions orientales, proches (ou surtout peut-être) plus lointaines, ne cesse et ne cessera sans doute pas de s’affirmer.
Une nouvelle période s’instaure donc dans l’évolution de ces rencontres dont il faut souhaiter la continuité sous des formes de plus en plus exigeantes et critiques, dans un phénomène de mort et de transfiguration tel que celui rappelé ici par Juan Zozaya, l’un des premiers fondateurs de ces congrès.

Gabrielle Démians d’Archimbaud

 

Il volume correda un breve percorso espositivo a pannelli (testi e immagini) per presentare i risultati delle ricerche e degli scavi svolti dal 2011 ad oggi nel sito archeologico ‘Antiche Mura’ di Jesolo. ‘In limine’ è una poesia di Eugenio Montale (introduce la raccolta “Ossi di Seppia”). Il titolo, e la poesia stessa, sono sembrati pertinenti a sintetizzare il senso del progetto archeologico sull’antica Equilo, di cui si pubblicano in questo volume i primi risultati. ‘In limine’ significa ‘sulla soglia’: indica cioè un punto di passaggio, un confine; e, nel nostro caso, metaforicamente rimarca il discrimine tra passato e presente, il luogo archeologico dove la materia inerte diviene narrazione. Qui, in limine, è anche uno spazio fisico preciso, quello dell’area delle ‘Antiche Mura’, luogo anche tangibile della memoria collettiva. Un luogo, ieri come oggi, ai margini. Se l’antica Equilo era stato un insediamento sul confine instabile tra mare e laguna, la moderna Jesolo, che ne ha ereditato il nome, ha lasciato che i ruderi della sua memoria restassero al di fuori del centro abitato: nel punto dove la città diventa campagna, lì sorgono le rovine dell’antica cattedrale, lì rimane il reliquiario della comunità, come una sorta di giardino ‘dove affonda un morto viluppo di memorie’ (di nuovo Montale). Gli archeologi hanno cercato nel tempo di recuperare quelle memorie e quel passato, con pazienza e fatica. Così, il progetto nato qualche anno fa per iniziativa del Dipartimento di Studi Umanistici dell’Università Ca’ Foscari di Venezia, non costituisce che l’ultimo atto di un percorso che ha inizio dalla metà del secolo scorso, con gli scavi nell’area della cattedrale e nel vicino sito della chiesa di San Mauro. I contributi che si pubblicano in questa circostanza raccontano e sintetizzano i risultati degli ultimi anni di scavi. L’interconnessione tra le varie strategie di indagine ci ha consentito di proporre una ricostruzione storico-insediativa del sito del tutto inedita e sorprendente.
In autumn 2005 a second campaign of archaelogical research on the site of Stari Bar has been carried out. In agreement with the Montenegrin authorities (Museum of Bar - Town of Bar) the archaeological project involved the collaboration of the University of Ca' Foscari in Venice and Primorska University in Koper (Slovenia). While the team directed by prof. Mitja Gustin studied Ottoman pottery from the Museum and the storage area of the site of Bar, the team under my direction worked together with Mladen Zagarčanin of the Museum of Bar on the implementation of the archaeological research at the site. In this volume, a part of the results of that campaign are published.
This book, like the first one on Stari Bar, remains a collection of papers. A group of articles focus on topics connected with the areas excavated in 2005 (UTS 45, UTS 112 and UTS 8b), a paper presents the archaeozoological analysis of context from the trench of 2004 (UTS 161) and another one gives a wide overview of stoneworking in Bar through the centuries. An article then aims to give a preliminary interpretation of the settlement sequence of the area, through the collation of new data and pre-existing archaeological knowledge.
The team of 2005, under my direction, was constituted by Corinna Bagato, Fulvio Baudo, Diego Calaon, Erica D'Amico, Cristina Falla, Speranza Fresia, Alessandro Gasparin and Elena Grandi of the University of Ca' Foscari in Venice; by Mladen Zagarcanin of the Museum of Bar; by Aleksander Pluskowski and Krish Seetah of the University of Cambridge; by Milos Petrivecic of the University of Beograd.
The project was funded by the European Union (Culture 2000. The Heritage of Serenissima), the Ministero degli Esteri Italiano (MAE) and by Region Veneto. In this occasion we want to express our gratitude to those that have helped and supported this mission also in 2005. For the Montenegrin side the Minister of Culture Mrs Vesna Kilibarda, the Chief of Cultural Heritage Mr Slobodan Mitrovic, the Mayor of the Municipality of Bar in 2005 Mrs Anka Vojvodic, the director of the Center for Culture of Bar Mr Milun Lutovac, the curator of the Museum of Bar Mr Vladislav Kasalika and the conservator of the archaeological area of Bar Mr Omer Perocevic. For the Italian side the Consul for Montenegro in 2005, Mrs Valentina Setta, the dean of the University Ca' Foscari Mr Pierfrancesco Ghetti, the functionaries of Regione Veneto, our colleague Gilberto Calderoni of the Laboratory of Earth Science of University 'La Sapienza' of Rome for the C14 analysis and our colleague Paolo Biagi of University of Ca' Foscari in Venice for his help with the micro-lithics of the site.
This project enjoys the support of the Archaeological Society of Montenegro and was officially presented to the 4th Meeting on Montenegrin Archaeology (IV Skup. Dructvo Arheologja Crne Gore) held in Danilovgrad from the 18th to the 20th of October 2005. During the excavation we were visited by our friend Mr Mile Bakovic (Centra za arheologka istracivanja Crne Gore and now President of the Archaeological Society of Montenegro) and by Mr Djurge Jancovic (Faculty of Philosophy, Beograd).
While finishing the preparation of this book we received the sad news of the sudden passing of our friend Milan Pravilovic, former President of the Archaeological Society of Montenegro and eminent scholar of Montenegrin archaeology. Milan repeatedly visited us on the excavation in Bar in 2004 and 2005, giving us many valuable suggestions and opinions. We are sure he would have supported us in the same way in the future. With affection and fondness we dedicate this volume to his memory.
Sauro Gelichi
Venice, August 2006
Questo volume è dedicato all’analisi e allo studio di due specifiche categorie di manufatti archeologici che, generalmente, vengono associati al mondo ottomano: le pipe e le tazzine da caffè. In un primo momento questo libro doveva costituire una parte di un più corposo volume dedicato alle ricerche della missione italo-montenegrina che, dal 2004, opera a Stari Bar. Tuttavia lo spazio che questa ricerca è venuta nel tempo ad occupare, anche avvalendosi di contributi di ricercatori esterni al gruppo che lavora in Montenegro, ci ha consigliati di scorporarla dal resto di quel volume.
Questa scelta può anche assolvere al compito di dare maggiore visibilità ad un tema (meglio un periodo) della storia di Antivari che, forse proprio per la maggiore vicinanza all’oggi (alcuni degli oggetti di cui si discute hanno poco più di cento anni), potrebbe apparire archeologicamente meno interessante. Da tempo pensiamo che l’archeologia si qualifichi per l’essere una disciplina multi periodale che deve contare sulla bontà delle domande che si pone più che sulla cronologia delle cose di cui si occupa. Credo che lo abbiamo dimostrato ogni qualvolta, nel passato, la nostra missione archeologica ha dato voce e giusto risalto ai contesti di epoca moderna. Con questo libro, però, il periodo ottomano emerge in tutta la sua peculiare rappresentatività, proprio perché analizzato attraverso quei manufatti che lo qualificano da sempre nell’immaginario occidentale. Dunque, da un certo punto di vista, questo libro assolve anche il compito di indicare con immediatezza lo spazio fisico e cronologico di un tema che ha assunto un notevole interesse scientifico negli studi sui Balcani degli ultimi anni: le forme e i modi attraverso i quali la presenza turca si caratterizza e prende forma. E lo fa utilizzando degli oggetti, meglio dei contesti archeologici, che ci offrono uno sguardo obliquo, ma originale ed inedito, sul quel mondo e sulla quella storia.
Gli autori sentono di dover ringraziare Mladen Zagarčanin, compagno da tempo nelle nostre peregrinazioni montenegrine; e, con lui, tutta la comunità della Bar di oggi, erede di quella storia che faticosamente cerchiamo, insieme, di ricomporre.

Sauro Gelichi

 

Questo volume è il quinto della serie dedicata alle ricerche svolte dalla missione congiunta italo-montenegrina sul sito di Stari Bar a partire dal 2004. Come i precedenti, è un volume miscellaneo che accoglie una serie di contributi maturati nel quadro di questo progetto. Gran parte del libro è però dedicata all’edizione di scavo di un edificio molto noto in Stari Bar, il c.d. ‘Palazzo del Doge’. Un edificio che unisce al buon grado di conservazione dei suoi resti il fatto di recare indiscutibili segni di venezianità, rappresentati da quei caratteri tipologico-architettonici di matrice tardo gotica che si svilupparono, nel corso del medioevo, in Venezia; e che da qui trasmigrarono in molti centri della costa dalmata, montenegrina ed albanese. L’accostamento al mondo veneziano si limita però solo a questo (essendo il riferimento al doge del tutto fuori luogo). L’edizione e lo studio di questo monumento, dunque, vanno ad integrare quelle ricerche sui caratteri della Antivari veneziana che hanno rappresentato uno dei temi più qualificanti del nostro approccio al sito (e che trovano qui un ulteriore sviluppo con un lavoro su una serie di graffiti, associabili sempre al momento della dominazione veneziana).
Il volume però non contiene solo questo. Mladen Zagarčanin torna sul problema delle fasi iniziali del sito, integrando il quadro delle nostre conoscenze con fondamentali nuovi documenti archeologici. E Riccardo Belcari torna sull’apparato scultoreo alto medievale di Antivari per contestualizzarlo nel quadro culturale, politico e sociale di questi territori. Questo volume non è l’ultimo della serie né rappresenta la sintesi di un lavoro di dieci anni. Tuttavia viene ad integrare, credo degnamente, il puzzle che le nostre ricerche, appunto da più di un decennio, stanno tentando di ricomporre e, in un certo qual modo, lo completa.
Il passaggio successivo deve quindi prevedere una riformulazione del progetto archeologico in senso stretto, sia una progettualità che coinvolga il sito nel suo complesso. Un’archeologia svincolata da un progetto chiaro e organico di recupero credo non abbia, a questo punto, molto più senso.
Molte sono le persone che ci hanno accompagnato in questo lavoro durante tutti questi anni, che ci hanno creduto e, anche se tra molte difficoltà, non hanno mai mancato di farci sentire il loro supporto e la loro approvazione: dalle Istituzioni che hanno finanziato la ricerca (Ministero degli Affari Esteri, Regione Veneto, Comunità Europea), agli amici che hanno percorso assieme a noi parte del cammino (Mitja Guštin e l’Università di Koper, a cui devo la ‘rivelazione’ del luogo, l’Università di Innsbruck, l’Università di Cambridge) e ai più recenti compagni di viaggio (il Politecnico di Milano, l’Università Kore di Enna e l’Università di Bergamo). Naturalmente il progetto non avrebbe mai avuto luogo senza l’impegno costante del Comune di Bar (attraverso il Centro di Cultura) e della mia Università, che nel 2009 ha firmato un protocollo d’intesa con la comunità locale.
Infine un ringraziamento sincero va a tutti i giovani ricercatori italiani e montenegrini che nel tempo si sono succeduti in questo luogo, lasciando ciascuno una parte del loro entusiasmo e della loro competenza. E poi grazie a Sanja Stanisic, perché ha reso facili anche le cose più difficili; e a Mladen Zagarčanin, perché senza la sua presenza tutto quello che è stato fatto non sarebbe stato realizzabile.

(Sauro Gelichi)

 

Questo libro costituisce il primo volume di una serie dedicata alle ricerche archeologiche su Nonantola e il suo territorio. Avviato nel 2001 in collaborazione con l'Amministrazione Comunale di Nonantola e con la cooperazione della Soprintendenza per i Beni Archeologici dell'Emilia-Romagna e dell'Arcidiocesi di Modena, il progetto si poneva l'obbiettivo di seguire le vicende di una delle più grandi abbazie del medioevo europeo, attraverso uno strumento poco utilizzato, quello archeologico, e tenendo in conto una categoria di fonti ancora meno impiegate per il medioevo, cioè quelle materiali.
Mi era sempre sembrato strano che un complesso così importante e significativo, e che pure aveva visto maturare e crescere un'infinità di progetti di studi (insieme al riordino del suo straordinario archivio), non avesse mai sollecitato se non rapsodiche e del tutto incidentali ricerche archeologiche. Nei due decenni trascorsi l'archeologia dei monasteri altomedievali in Italia aveva conosciuto una felice stagione di studi, senza che Nonantola ne fosse stata in qualche modo toccata.
Questo volume contiene una serie di contributi autonomi, accomunati solo dal luogo e dal fatto di essere stati concepiti e realizzati nell'ambito di questo progetto. Non sono contributi che seguono un percorso coerente (né cronologico né topografico), ma rendono conto di alcuni risultati conseguiti; alcuni si presuppone definitivi (le edizioni di scavo della Torre dei Modenesi e della Torre dei Bolognesi), altri preliminari (lo scavo della necropoli di piazza della Liberazione). A questi si sono voluti affiancare un paio di testi di carattere più generale. Nel primo volume dedicato al progetto di Nonantola, infatti, non poteva certo mancare un articolo che illustrasse le coordinate e le finalità del progetto né un lavoro che rendesse conto degli strumenti tecnici utilizzati per il suo conseguimento.
Tuttavia questo volume denuncia, per quanto casualmente, una sua omogeneità tematica, nel momento in cui si danno alle stampe, congiuntamente, le edizioni di scavo delle due torri-simbolo dell'abitato. Non era tra le priorità del progetto lo studio delle fortificazioni del borgo, ma in attesa che i dati preliminari sull'abbazia alto-medievale siano implementati ed arricchiti dalle future indagini archeologiche, la ricostruzione delle vicende storico-insediative dell'abitato tardo-medievale costituisce sicuramente una delle acquisizioni più interessanti e decisamente nuove nella storia di questo sito.
Trovo diversi motivi di soddisfazione nel licenziare questo libro. Il primo è che, insieme a Mauro Librenti, vedo finalmente realizzarsi una prima tappa di un progetto a cui pensavamo da tempo e che solo grazie alla lungimiranza e all'attenzione di alcune istituzioni locali ha potuto prendere corpo e svilupparsi. Il secondo è legato alle modalità attraverso le quali si è consolidata la nostra presenza a Nonantola. L'Insegnamento di Archeologia Medievale, insieme all'Amministrazione Comunale di Nonantola, è stato (ed è) concessionario delle attività di scavo che annualmente, dal 2002, si svolgono in prossimità e all'interno della chiesa abbaziale. Tuttavia, nell'inverno del 2004, la Soprintendenza per i Beni Archeologici dell'Emilia-Romagna ci ha delegato a seguire, in piena autonomia, i lavori di sistemazione della rete dei servizi, programmati dall'Amministrazione Comunale nel centro storico. Questa delega ha rappresentato, a mio giudizio, non solo un'esperienza felice di cooperazione tra istituti diversi, ma anche un'indicazione di metodo, nella misura in cui ha dimostrato che una struttura universitaria può essere convincente anche nelle funzioni, poco usuali, di 'gruppo operativo'. Il fatto che, di quella esperienza, questo volume contenga già due contributi, mi sembra sia la risposta più efficace ad una fiducia corrisposta.
Il progetto di Nonantola si avvale della collaborazione di molti enti ed istituti, che sono ricordati nella quarta di copertina. Mi sia consentito tuttavia menzionare singolarmente alcune persone, senza le quali questo progetto non avrebbe avuto luogo. Per l'Amministrazione Comunale l'ex sindaco Stefano Vaccari e l'ex assessore ai lavori pubblici Massimiliano Piccinini insieme con l'attuale sindaco Pierpaolo Borsari e l'assessore alla cultura Francesco Guerra. Fino ai lavori dell'inverno del 2004 è stato prezioso di aiuti e suggerimenti operativi l'allora direttore ai lavori pubblici Piergiorgio Serafini. Fondamentale è risultata anche la cooperazione della Curia Arcivescovile di Modena - Nonantola nelle persone di mons. Adriano Tollari e don Lino Pizzi; e poi del direttore dell'archivio e museo diocesano don Riccardo Fangarezzi e del parroco di San Michele, don Paolo Notari. Un grazie particolare va naturalmente alla Soprintendenza per i Beni Archeologici dell'Emilia-Romagna e al Soprintendente Archeologo Luigi Malnati, per aver creduto in questa esperienza fin dagli inizi e per averci aiutato a fare un'archeologia anche al servizio della tutela.
L'Archeoclub di Nonantola e il suo infaticabile Presidente, Loris Sighinolfi, hanno accolto con entusiasmo la nostra originaria proposta, impegnandosi quotidianamente in quella preziosa opera di raccordo con la cittadinanza che ha fatto sì che gli interventi, anche i più ostici (da comprendere) e i più invadenti (da accettare), siano risultati un importante momento di crescita condiviso dalla collettività.
Questo progetto deve molto all'impegno degli studenti degli Atenei di Venezia e di Parma, che qui si sono formati fino a diventare parte del gruppo che ha operato a Nonantola nell'inverno dello scorso anno. Deve molto anche all'abnegazione di Francesca Bertoldi e Sebastiano Lora, che si sono occupati degli scavi del cimitero di piazza Liberazione e che hanno tempestivamente avviato lo studio dei resti antropologici (ci auguriamo che uno dei prossimi volumi della serie sia una loro monografia dedicata proprio a questo importante contesto).
Questo libro si deve poi alle impeccabili cure redazionale di Alessandra Cianciosi, che ha svolto anche un maturo e competente ruolo di coordinatore delle attività sul campo nel 2004.
Ma tutta quanta la ricerca archeologica su Nonantola non sarebbe stata possibile senza l'appoggio convinto di Ombretta Piccinini, da anni infaticabile, silenzioso ed intelligente motore di gran parte delle iniziative culturali nonantolane.
Sauro Gelichi
Venezia, maggio 2005
©2020 GoogleSite Terms of ServicePrivacyDevelopersArtistsAbout Google|Location: United StatesLanguage: English (United States)
By purchasing this item, you are transacting with Google Payments and agreeing to the Google Payments Terms of Service and Privacy Notice.