Il paese perduto. A cent'anni dal genocidio armeno

goWare & Edizioni Guerini e Associati
Free sample

Cent’anni di storia, prima dimenticata, poi negata nonostante la mobilitazione internazionale. Anche di recente, con la dura risposta turca alla condanna di papa Francesco. I responsabili sono rimasti pressoché impuniti, i manuali di storia hanno esitato a raccontare ed il governo turco ancora oggi non riconosce il termine di ‘genocidio’.

L’obiettivo del libro è ripercorrere il discorso che attorno al tema del genocidio armeno si è sviluppato nel corso degli anni, avvalendosi del contributo di alcuni dei maggiori studiosi internazionali in materia, tra cui Yves Ternon, Halil Berktay, Jann Jurovics, Antonia Arslan, Marcello Flores.


Un libro a più voci che affronta alcuni aspetti del genocidio a un secolo di distanza dagli eventi che hanno portato allo sterminio di più di un milione di armeni nel territorio dell’impero ottomano. p.p1 {margin: 0.0px 0.0px 0.0px 0.0px; font: 9.5px Helvetica}
Read more

Reviews

Loading...

Additional Information

Publisher
goWare & Edizioni Guerini e Associati
Read more
Published on
May 12, 2017
Read more
Pages
150
Read more
ISBN
9788881951192
Read more
Language
Italian
Read more
Genres
History / Russia & the Former Soviet Union
Political Science / World / Russian & Former Soviet Union
Read more
Content Protection
This content is DRM free.
Read more
Read Aloud
Available on Android devices
Read more

Reading information

Smartphones and Tablets

Install the Google Play Books app for Android and iPad/iPhone. It syncs automatically with your account and allows you to read online or offline wherever you are.

Laptops and Computers

You can read books purchased on Google Play using your computer's web browser.

eReaders and other devices

To read on e-ink devices like the Sony eReader or Barnes & Noble Nook, you'll need to download a file and transfer it to your device. Please follow the detailed Help center instructions to transfer the files to supported eReaders.
Andrea Vania
Le Pussy Riot sono un collettivo riot grrrl e punk rock russo, femminista e politicamente
impegnato. Sono finite al centro dellʼattenzione dopo una serie di proteste
sempre più dirompenti in cui hanno denunciato la corruzione in Russia, i sospetti di
brogli elettorali, i legami sempre più stretti tra Stato e Chiesa e la scomparsa dallo
spazio pubblico delle donne e della comunità Lgbt, fino a quando tre di loro sono
state condannate e messe in carcere per aver cantato una “preghiera anti-Putin”
nella cattedrale del Cristo Salvatore a Mosca.
Il testo del libro è frutto di unʼaccurata ricerca completamente originale. Rivive la
genesi del fenomeno, soffermandosi sullʼattualità: racconta della situazione dopo
lʼuscita delle ragazze dal carcere e degli sviluppi futuri, tra apparizioni internazionali
e la nascita di una Ong per difendere i diritti dei carcerati.
“Continueremo a fare ciò per cui siamo finite in prigione. Vogliamo prima di tutto
cacciare il presidente russo Vladimir Putin. Al suo posto mi piacerebbe molto invitare
Mikhail Khodorkovski”, ha dichiarato Maria Alyokhina, in una conferenza stampa a
Mosca dopo la liberazione.
Una storia che ha destato attenzione in tutto il mondo per la prima volta analizzata
in maniera completa da un libro italiano. Tutto da scoprire.
Tutti i testi e le dichiarazioni sono stati tradotti direttamente dal russo.

Andrea Vania
Lʼautore, per sua precisa volontà, rimarrà nel più completo anonimato, e ha scelto il
suo pseudonimo Andrea Vania unendo nomi che possono essere sia maschili che
femminili, in un giocare con gli stereotipi di genere che anche le Pussy Riot apprezzerebbero.

A cura di Daniele Paletta, Mikhail Amozov e Claudio Fucci.
©2017 GoogleSite Terms of ServicePrivacyDevelopersArtistsAbout Google
By purchasing this item, you are transacting with Google Payments and agreeing to the Google Payments Terms of Service and Privacy Notice.