Premio Città di Leonforte XXXVI edizione

AA VV

Se ne è fatto un gran parlare, lungo tutta la fase gestazionale del “nuovo” Premio, che via via ha perso quella parola – “letterario” – che per più di trent’anni ne ha caratterizzato l’identità. Paradossalmente, questa perdita non ha tolto la vocazione culturale di un Premio che nel corso del tempo è diventato prestigioso, tutt’altro. Letterario, questo aggettivo che in modo altisonante ha accompagnato il Premio Città di Leonforte nel suo percorso evolutivo, si è fatto da parte per arricchirne la portata culturale. Il processo metamorfico cui abbiamo assistito è stato un ritorno alle origini. Il Premio, se così possiamo affermare, è tornato a casa. Si è riappropriato dello spirito originario che lo ha concepito. Era il 1979 quando nacque la prima edizione. Da un’idea di Enzo Barbera, appena rientrato dalla sua vita torinese, che fu subito accolta con tutto l’entusiasmo che meritava. La voglia di dare lustro al fervore poetico e culturale, l’amore per la propria terra, il desiderio di creare percorsi lastricati di cultura furono condensati in un primigenio concorso di poesia e narrativa inedita. La sensibilità dell’amministrazione locale di allora, unita alle idee di Enzo Barbera hanno dato vita a un concorso che ci si auspicava fosse sempre capace di essere calzante con le correnti culturali caratterizzanti la società. Come dinanzi ad uno specchio, il Premio letterario Città di Leonforte doveva essere l’esatto riflesso di ogni fermento creativo tipico della trama socio culturale di un’epoca. Ecco perché l’aggettivo “letterario” abdica al ruolo di protagonista. Era inevitabile. La portata dei social network ha radicalmente cambiato il nostro modo di comunicare, di scrivere. I nuovi ritrovati tecnologici, quello di leggere. Siamo diventati sempre più interconnessi, sempre più “smart” e la velocità con cui comunichiamo impone la brevità, che nella micronarrativa diventa virtù. Costringe a pensare alla parola. Ponderarne il peso, calibrare il significato. La micronarrativa diventa lo strumento ideale per creativi e parolai, che si vogliono misurare con la precisione e la suggestività di pensieri brevi e impattanti. Parimenti, il Premio Città di Leonforte ha spalancato – finalmente – le braccia per accogliere un’arte assai antica e mai desueta. Non siamo solo l’ombelico geografico della Sicilia. Siamo gente genuina, con una visione pirandelliana della vita. Siamo il paesino da poco più di tredicimila anime con un cospicuo numero di compagnie teatrali. Siamo gli uomini che smettono gli abiti lisi da lavoro per indossare quelli puliti della domenica. Coloro che prendono a braccetto il proprio amore per andare a godersi la commedia. Siamo il paesino che ha dato al Teatro – e continua a dare – talenti da palcoscenico. Il teatro, da noi, è di casa.
Read more
Collapse
Loading...

Additional Information

Publisher
AA VV
Read more
Collapse
Published on
May 27, 2018
Read more
Collapse
Pages
52
Read more
Collapse
ISBN
9788828329329
Read more
Collapse
Read more
Collapse
Read more
Collapse
Language
Italian
Read more
Collapse
Genres
Performing Arts / Storytelling
Performing Arts / Theater / General
Read more
Collapse
Content Protection
This content is DRM protected.
Read more
Collapse
Read Aloud
Available on Android devices
Read more
Collapse

Reading information

Smartphones and Tablets

Install the Google Play Books app for Android and iPad/iPhone. It syncs automatically with your account and allows you to read online or offline wherever you are.

Laptops and Computers

You can read books purchased on Google Play using your computer's web browser.

eReaders and other devices

To read on e-ink devices like the Sony eReader or Barnes & Noble Nook, you'll need to download a file and transfer it to your device. Please follow the detailed Help center instructions to transfer the files to supported eReaders.
 La parola legione deriva dal latino lègere, raccogliere, si chiamò così originariamente tutta la forza che lo Stato romano, ai tempi di Romolo, poteva raccogliere sotto l’insegna. Non era una grande forza, un grande esercito. Le tre tribù originarie dovevano fornire ciascuna mille uomini di fanteria e cento cavalieri; e perciò tutto l’esercito, cioè tutta la legione, fu di 3000 fanti e di 300 cavalieri.

Servio Tullio, modificando la compagine militare e chiamando a parteciparvi tutti i cittadini, allargò molto l’esercito. La legione fu composta allora di 4200 fanti, così divisi: 1200 astati (o soldati di prima linea), 1200 principi (o soldati di seconda linea) e 800 triari (o soldati di terza linea). Vi erano inoltre 600 rorarii e 400 accensi. Questi ultimi erano soldati vestiti alla leggera, che poi furono chiamati vélites.

Pian piano anche il numero delle legioni aumentò. I veliti scomparvero e furono sostituiti da soldati specializzati che però non facevano parte della legione, ma costituivano corpi a parte: essi erano sagittarii (tiratori di saette), ferentarii, funditores, ecc.

La legione veniva poi divisa in dieci coorti, di tre manipoli ciascuna, e ogni manipolo in due centurie. Ogni legione ai tempi della repubblica era comandata da un tribuno, e più tardi da un legato, che aveva sotto di sé sei tribuni, un prefetto del campo, 95 centurioni e 59 optiones o sottotenenti. Aveva poi i suoi medici, veterinari, musicisti, aruspici, operai, contabili. Sotto Traiano le legioni erano trenta. Ognuna aveva un nome speciale e un numero.

Celebre è la Legione fulminante. Secondo una tradizione raccontata anche da scrittori pagani, durante una guerra i Romani comandati da Marco Aurelio stavano per aver la peggio, quando una legione composta tutta di cristiani a furia di preghiere ottenne che scoppiasse un gran temporale, nel quale l’esercito nemico fu messo in fuga a furia di fulmini. Marco Aurelio ordinò allora che la legione portasse il nome di legione fulminante e che si sospendesse ogni persecuzione contro i cristiani.

Altrettanto celebre è la Legione tebana. Aveva questo nome perché reclutata tutta in Tebaide e composta di tutti soldati cristiani; fu due volte decimata e poi massacrata per ordine dell’imperatore Massimiano Ercole, per aver negato di sacrificare agli Dei.


Nel panorama letterario di tutto il mondo, l'Amleto è una delle opere più famose e nello specifico della produzione shakesperiana è, senza dubbio, tra le opere maggiormente rappresentate del poeta e drammaturgo inglese. Fu scritta probabilmente tra il 1600 e l'estate del 1602 ed è stata tradotta in quasi ogni lingua del mondo.

In questa tragedia Shakespeare, attraverso una finta follia impersonificata da Amleto, descrive in modo pressoché perfetto il tema della vendetta, ma la particolarità e il fascino dell'opera risiedono proprio nel fatto che è ricca di sfaccettature, di contenuti, di argomenti che coesistono con il tema principale, e danno alla tragedia una veste nuova e moderna, anche se basata su una struttura convenzionale. Amleto è un personaggio complesso e affascinante, ricco di sfumature e di contraddizioni. Attraverso Amleto e il suo desiderio di vendetta, Shakespeare svolge un'approfondita indagine sull'animo umano, snocciolando l'opera lungo un percorso che tocca diversi punti: dal potere all'incesto, dalla morte e il suicidio all'esistenza di un mondo soprannaturale, dai valori quali la castità, l'onore, la lealtà e l'amicizia alla mancanza di valori quali l'incostanza, l'ipocrisia e il tradimento, dai sentimenti positivi quali l'amore, alle emozioni esasperate quali l'odio e gelosia.

Nota: gli e-book editi da E-text in collaborazione con Liber Liber sono tutti privi di DRM; si possono quindi leggere su qualsiasi lettore di e-book, si possono copiare su più dispositivi e, volendo, si possono anche modificare.

Questo e-book aiuta il sito di Liber Liber, una mediateca che rende disponibili gratuitamente migliaia di capolavori della letteratura e della musica.
Tra i concorsi letterari importanti in Italia possiamo comprendere il Premio Dragut. Giunto nel 2016 alla V edizione. Si svolge a Minturno nel Golfo di Gaeta, in provincia di Latina. È promosso dall’omonimo Comitato. Vengono presentate opere di poesia, racconti, fotografie e musica. Nell’Antologia, in formato e-book, si trovano tutte le opere premiate nel 2016.

L’Antologia è per download gratuito.

I tesori nascosti

Il tema che quest’anno è stato assegnato ai concorrenti è la scoperta dei tesori nascosti.

Il premio di quest’anno si ripropone di far riscoprire tutte le bellezze nascoste possibili, di riportarle alla luce e di farle ammirare! Una bellezza mostrata alla luce del sole può davvero cambiare il futuro!
Dal bando di concorso

Tesori nascosti ve ne sono sicuramente numerosi. Citiamo il recente libro Progetto Berlino – La ex Sieci di Scauri, che tratta proprio l’argomento del recupero di uno di questi tesori. Il libro è stato curato da Pino De Renzi, Presidente del Comitato del premio Dragut.

Storia di un Premio di successo

Nato nel 2012, riscuote un apprezzabile interesse e lancia lo slogan “Non più per depredare, ma per restituire”. Chiaro il riferimento al pirata ottomano Dragut che imperversava su queste coste nel XVI secolo.
Per approfondire i vari aspetti del Premio e le edizioni passate, rimandiamo al sito del Premio.
L’illustrazione in copertina è di Aurora Braga.
Il Comitato organizza nell’anno altre iniziative culturali o storiche legate al territorio. 

Il presente lavoro di revisione ha fatto proprie considerazioni ed evoluzioni del concetto di adeguatezza nutrizionale che sono intervenute, a livello internazionale, nel periodo intercorso dall’ultima revisione dei LARN da parte della Società Italiana di Nutrizione Umana – SINU (1996) al 2014.
L’acronimo LARN corrisponde ora a “Livelli di Assunzione di Riferimento di Nutrienti ed energia per la popolazione italiana”. Questa revisione del documento rappresenta l’insieme dei DRV (Dietary Reference Values) per la popolazione italiana, indicando il fabbisogno medio per la popolazione (average requirement, AR) e l’assunzione raccomandata per la popolazione (population reference intake, PRI) oppure, in alternativa, l’assunzione adeguata (adequate intake, AI). Per lipidi totali e carboidrati totali si sono definiti gli intervalli di riferimento per l’assunzione di macronutrienti (reference intake range for macro-nutrients, RI), espressi in percentuale sull’energia totale della dieta. In aggiunta, la necessità di incorporare nel documento l’evidenza scientifica sulle relazioni fra stato di nutrizione e prevenzione delle malattie cronico-degenerative, al di là del semplice ruolo biologico dei nutrienti, ha portato in qualche caso all’introduzione di obiettivi nutrizionali per la prevenzione (suggested dietary target, SDT), nonché di raccomandazioni qualitative sulle scelte fra le diverse fonti alimentari. In molti casi è anche indicato il limite massimo tollerabile di assunzione (tolerable upper intake level, UL).
©2018 GoogleSite Terms of ServicePrivacyDevelopersArtistsAbout Google|Location: United StatesLanguage: English (United States)
By purchasing this item, you are transacting with Google Payments and agreeing to the Google Payments Terms of Service and Privacy Notice.