La realtà soggettiva

Enrica Orecchia Traduce Steve Pavlina
Free sample

Dopo anni di osservazione della realtà e di riflessioni sulla sua natura, Steve Pavlina giunge alla conclusione che la realtà in cui viviamo non è una realtà esterna a noi, uguale per tutti, completamente oggettiva. Al contrario, siamo noi, con le nostre convinzioni, i nostri pensieri e le nostre idee, a creare la realtà in cui ci crediamo immersi.
Non si tratta di una realtà che “ci circonda”, che si trova intorno a noi, bensì di qualcosa che è dentro di noi, che vive all’interno della nostra consapevolezza, dei nostri pensieri. Sono questi ultimi pensieri a dare forma al mondo in cui viviamo, a creare le situazioni che ci troviamo ad affrontare. Pensieri diversi danno forma a situazioni diverse. Ed ecco il concetto rivoluzionario che ne deriva: se cambiamo i nostri pensieri abbiamo il potere di cambiare le cose “intorno a noi”.

Acquisire la consapevolezza di come i nostri pensieri danno vita alla realtà in cui viviamo, comprendere l’effetto che hanno sulla nostra vita è il primo passo per capire come possiamo cambiare e in che modo possiamo affermare il nostro potere creativo per creare una realtà più corrispondente ai nostri desideri.
Read more

Reviews

Loading...

Additional Information

Publisher
Enrica Orecchia Traduce Steve Pavlina
Read more
Published on
Jun 4, 2015
Read more
Pages
80
Read more
ISBN
9786050380958
Read more
Language
Italian
Read more
Genres
Body, Mind & Spirit / Inspiration & Personal Growth
Body, Mind & Spirit / Mindfulness & Meditation
Body, Mind & Spirit / New Thought
Body, Mind & Spirit / Parapsychology / Out-of-Body Experience
Body, Mind & Spirit / Unexplained Phenomena
Philosophy / Mind & Body
Read more
Content Protection
This content is DRM protected.
Read more
Read Aloud
Available on Android devices
Read more

Reading information

Smartphones and Tablets

Install the Google Play Books app for Android and iPad/iPhone. It syncs automatically with your account and allows you to read online or offline wherever you are.

Laptops and Computers

You can read books purchased on Google Play using your computer's web browser.

eReaders and other devices

To read on e-ink devices like the Sony eReader or Barnes & Noble Nook, you'll need to download a file and transfer it to your device. Please follow the detailed Help center instructions to transfer the files to supported eReaders.
Salvatore Brizzi
Brizzi ha il potere, il dono, di aiutarci nel risveglio conducendoci per mano
Questo è il terzo titolo della serie "La trilogia della trasmutazione" - gli altri due sono "Officina alkemica" e "La porta del mago" - che Salvatore Brizzi ha voluto portare a termine con il fine di "consegnare un sistema di risveglio completo a chiunque voglia divenire qualcosa di più di un burattino nelle mani della società". Anche questo può essere letto come un libro a sé, in quanto illustra in maniera completa il lavoro dal punto di vista teorico e, soprattutto, pratico. Il testo è una sintesi del "Corso di risveglio della coscienza" che Brizzi propone in diverse città d'Italia, e contiene tutti i relativi esercizi settimanali di "ricordo di sé". Preziosi gli scambi domande/risposte con i partecipanti al corso, che sono riportati alla fine di ogni capitolo. Un libro da mettere in pratica giorno dopo giorno fino alla completa trasformazione di sé.
L'AUTORE: Salvatore Brizzi partendo dallo studio dei metodi di trasmutazione alchemica delle emozioni, si occupa di trasmettere attraverso la sua attività di scrittore e conferenziere i principi della creazione della propria realtà, affinché l'individuo non continui a idolatrare il Mondo come un dio onnipotente al di fuori di sé. Si ispira alla figura del monaco-guerriero per educare l'essere umano a divenire un vero leader, il Re del suo Regno, in qualunque attività decida di intraprendere. E' un esperto di Alchimia trasformativa e tiene corsi e seminari in diverse città. Salvatore Brizzi intende l'Alchimia come un'Arte e una Via che portano alla trasformazione psicologica degli individui. Molto apprezzato come divulgatore in quanto capace di esprimersi in maniera chiara e accessibile a tutti, in passato è stato direttore editoriale della rivista esoterica "Antipodi" e ha fondato a Torino una casa editrice, la Antipodi Edizioni, il cui obiettivo principe è proprio la diffusione di antichi insegnamenti atti a facilitare l'evoluzione interiore dell'essere umano. La sua formazione comprende: la Quarta Via di Gurdjieff, le opere di Alice Bailey e H.P. Blavatsky, l’Agni Yoga, l'applicazione dei Vangeli.
Enrica Orecchia Traduce Steve Pavlina
Questo manuale di Gestione del Tempo, o Time Management come spesso si usa dire soprattutto in ambito aziendale, passa in rassegna le più utilizzate - ma anche quelle meno conosciute - tecniche di programmazione e organizzazione del tempo: dal Triage al Timeboxing, dal Carver (un modello impiegato negli ambienti militari) all’utilizzo dei microcompiti, alla regola del 50-30-20 e altre ancora.

Nei 23 capitoli che lo compongono, e che contengono l’esperienza accumulata in anni di studi e sperimentazioni sull’argomento, Pavlina insegna a stabilire le priorità e a individuare gli obiettivi secondari (le “posteriorità”), a stimare correttamente il tempo richiesto da un’attività per essere portata a termine, a ottimizzare le proprie giornate.

Non mancano i consigli per smettere finalmente di procrastinare e per capire invece quando è importante farlo.

Alla fine del libro troverete un elenco di documenti che lo stesso autore utilizza nella sua programmazione, dal quale ognuno può prendere spunto a seconda delle proprie necessità.

Tuttavia, il valore e l’utilità del libro risiedono nel fatto che Pavlina non si limita a illustrare una serie di metodologie, più o meno efficaci (non manca il suo parere personale).

Infatti, come afferma lo stesso Steve, non è possibile gestire bene il tempo, qualunque sia il metodo scelto, se esso non è utilizzato per fare le cose che per noi sono veramente importanti. Quelle che ci avvicinano ai grandi obiettivi della nostra vita, che sono in sintonia con i nostri desideri più profondi.

Di conseguenza, un pre-requisito per poter gestire il proprio tempo in maniera ottimale è conoscere i propri valori e risolvere le proprie contraddizioni interiori, in modo da identificare che cosa è degno di essere perseguito e che cosa può essere tranquillamente trascurato.

Un libro che non vi insegnerà solo a migliorare le vostra capacità di programmazione, ma che vi darà anche un nuovo punto di vista su come scegliere i vostri obiettivi in maniera che possiate raggiungerli davvero.
Enrica Orecchia Traduce Steve Pavlina
L’Esperimento da un Milione di dollari è l’affascinante diario di un esperimento condotto pubblicamente da Steve Pavlina sul suo blog, a partire dal novembre 2005 per alcuni mesi.
Esperimento inteso non in senso scientifico, come osservazione obiettiva di un fenomeno al fine di verificare o meno una determinata ipotesi precedentemente formulata, ma nel senso di una esperienza soggettiva, la cui riuscita dipende e può essere valutata esclusivamente dalla persona che la vive.

In questo caso l’esperimento aveva l’obiettivo di verificare se il pensiero ha il potere di manifestare, cioè di far accadere, determinate cose, nella fattispecie se con il pensiero era possibile ottenere un milione di dollari.
Partendo da un’intenzione sulla quale era sufficiente concentrare i propri pensieri anche solo 60 secondi - un solo minuto - al giorno, si cercava di far arrivare nella propria vita un milione di dollari.
Iniziato come esperimento individuale, la condivisione sul blog lo trasforma ben presto in un’esperienza di gruppo, che coinvolge prima decine poi centinaia e infine migliaia di partecipanti esterni, pubblici o anonimi.
Scritto sotto forma di diario, l’esperimento si sviluppa man mano che procede la lettura, con i continui aggiornamenti sulle somme manifestate, che alla fine complessivamente supereranno i 4 milioni di dollari. In conclusione Pavlina ha inserito le esperienze di persone che, dopo aver partecipato all’esperimento, gli hanno scritto per raccontare le loro storie di manifestazione.
Pur essendosi svolto non pochi anni fa, l’esperimento mantiene intatta tutta la sua attualità e può essere attuato da chiunque, singolo o gruppo, in qualsiasi momento.
Per questo motivo vale la pena di leggerne il resoconto anche se si riferisce ad avvenimenti lontani nel passato e per questo motivo è stato tradotto in presa diretta, esattamente come è stato scritto.
Enrica Orecchia Traduce Steve Pavlina
Questo manuale di Gestione del Tempo, o Time Management come spesso si usa dire soprattutto in ambito aziendale, passa in rassegna le più utilizzate - ma anche quelle meno conosciute - tecniche di programmazione e organizzazione del tempo: dal Triage al Timeboxing, dal Carver (un modello impiegato negli ambienti militari) all’utilizzo dei microcompiti, alla regola del 50-30-20 e altre ancora.

Nei 23 capitoli che lo compongono, e che contengono l’esperienza accumulata in anni di studi e sperimentazioni sull’argomento, Pavlina insegna a stabilire le priorità e a individuare gli obiettivi secondari (le “posteriorità”), a stimare correttamente il tempo richiesto da un’attività per essere portata a termine, a ottimizzare le proprie giornate.

Non mancano i consigli per smettere finalmente di procrastinare e per capire invece quando è importante farlo.

Alla fine del libro troverete un elenco di documenti che lo stesso autore utilizza nella sua programmazione, dal quale ognuno può prendere spunto a seconda delle proprie necessità.

Tuttavia, il valore e l’utilità del libro risiedono nel fatto che Pavlina non si limita a illustrare una serie di metodologie, più o meno efficaci (non manca il suo parere personale).

Infatti, come afferma lo stesso Steve, non è possibile gestire bene il tempo, qualunque sia il metodo scelto, se esso non è utilizzato per fare le cose che per noi sono veramente importanti. Quelle che ci avvicinano ai grandi obiettivi della nostra vita, che sono in sintonia con i nostri desideri più profondi.

Di conseguenza, un pre-requisito per poter gestire il proprio tempo in maniera ottimale è conoscere i propri valori e risolvere le proprie contraddizioni interiori, in modo da identificare che cosa è degno di essere perseguito e che cosa può essere tranquillamente trascurato.

Un libro che non vi insegnerà solo a migliorare le vostra capacità di programmazione, ma che vi darà anche un nuovo punto di vista su come scegliere i vostri obiettivi in maniera che possiate raggiungerli davvero.
©2018 GoogleSite Terms of ServicePrivacyDevelopersArtistsAbout Google
By purchasing this item, you are transacting with Google Payments and agreeing to the Google Payments Terms of Service and Privacy Notice.