Il premio del traditore

Bollati Boringhieri

«Tra le regine del crimine inglesi, Margery Allingham è la mia preferita in assoluto».
J.K. Rowling

«Alligham brilla come una stella»
Agatha Christie

«Non cominciate neppure a leggere questi gialli se non siete sicuri di saper gestire la dipendenza»
The Indipendent

Albert Campion, detective e gentiluomo, si sveglia in un letto d’ospedale, solo e spaventato, soprattutto perché non ricorda niente, di sé e di quello che è successo per farlo finire lì. Sa solo di avere una missione importantissima, un complotto da sventare, e dato che siamo nel 1940, dev’essere qualcosa che riguarda l’Inghilterra in guerra. Sente un poliziotto parlare di arresto, fuori dalla stanza, e decide di scappare rubando la tenuta da vigile del fuoco accanto all’estintore. Viene raccolto in macchina da una bella donna, che sembra conoscerlo benissimo, e portato in un’aristocratica magione dove lo aspetta un party e una buona accoglienza. Perdipiù la bella giovane donna dice di essere la sua fidanzata. Campion continua a nascondere il proprio stato di amnesia, e mette il cervello rimasto all’opera per sventare comunque il terribile pericolo che incombe sulla sua patria in guerra. Da qui il mystery si trasforma in thriller/spy story, con una serie di colpi di scena, scoperte, tradimenti, attentati, inseguimenti nella miglior tradizione di tutti questi generi. Fino alla rivelazione finale e alla scoperta del traditore.

Margery Allingham rivela qui una scrittura di eccellente livello e un senso dell’umorismo degno dei migliori autori britannici. La difficoltà di raccontare per tutto il romanzo un Campion afflitto da amnesia senza svelare troppo dei retroscena dà un’idea chiara della abilità di questa autrice, famosissima, letta e addirittura rubata nelle biblioteche più di qualunque altra «regina del crimine» inglese, compresa Agatha Christie. Il premio del traditore è stato ripubblicato di recente in Gran Bretagna tra l’entusiasmo dei critici e dei lettori.
Una curiosità: il complotto del romanzo, si scoprirà alla fine della guerra, era davvero stato ordito ma mai messo in atto.
Read more

About the author

Margery Allingham nacque a Ealing, Londra, nel 1904 in una famiglia appassionata di letteratura. Autrice di Il premio del traditore (Bollati Boringhieri, 2016), pubblicò il suo primo romanzo, Blackkerchief Dick, nel 1923 all’età di diciannove anni. La sua prima detective story uscì a puntate sul «Daily Express» nel 1927, con il titolo The White Cottage Mystery. Il primo romanzo, The Crime at Black Dudley, è del 1929: compare qui Albert Campion, all’inizio un personaggio secondario, ma che riscosse così tanto successo presso i lettori che la Allingham decise di renderlo il protagonista di altri diciassette romanzi, che continuò a pubblicare per tutti gli anni sessanta.

Read more
Loading...

Additional Information

Publisher
Bollati Boringhieri
Read more
Published on
Sep 21, 2016
Read more
Pages
272
Read more
ISBN
9788833974873
Read more
Language
Italian
Read more
Genres
Fiction / General
Fiction / Mystery & Detective / General
Read more
Content Protection
This content is DRM protected.
Read more

Reading information

Smartphones and Tablets

Install the Google Play Books app for Android and iPad/iPhone. It syncs automatically with your account and allows you to read online or offline wherever you are.

Laptops and Computers

You can read books purchased on Google Play using your computer's web browser.

eReaders and other devices

To read on e-ink devices like the Sony eReader or Barnes & Noble Nook, you'll need to download a file and transfer it to your device. Please follow the detailed Help center instructions to transfer the files to supported eReaders.
Three Albert Campion mysteries in one volume reveal why “Margery Allingham stands out like a shining light” (Agatha Christie).
 
Flowers for the Judge
Scandal hits the prestigious publishing house of Barnabas when one of the directors is found dead in a locked cellar. All eyes are on the other partners at the firm—cousins of the dead man with much to gain from his demise—and rumors hint at a connection to the long-ago disappearance of another director. Desperate to salvage their reputation, the cousins turn to Albert Campion—but will his investigations clear the Barnabas family name, or besmirch it forever?
 
“One of her best . . . vivid and witty.” —The New York Times
 
Death of a Ghost
John Sebastian Lafcadio’s ambition to be known as the greatest painter since Rembrandt was not to be thwarted by a matter as trifling as his own death. A set of twelve sealed paintings is left in the hands of his widow, together with the instruction that she unveil one canvas each year before a carefully selected audience. Albert Campion is invited to join a cast of gadabouts, muses, and socialites to witness the eighth unveiling—but instead the lights go down and a young man is stabbed to death. Campion must get to work on the baffling case, with its long—suspiciously long—line-up of possible killers, and soon finds himself having to face his dearest enemy.
 
“Wonderfully plotted . . . Allingham was a rare and precious talent.” —The Washington Post
 
The Case of the Late Pig
Private detective Albert Campion is summoned to the village of Kepesake to investigate a particularly distasteful death. The body turns out to be that of Pig Peters—freshly killed five months after his own funeral. Soon other corpses start to turn up, just as Peters’s body goes missing. It takes all of Campion’s coolly incisive powers of detection to unravel the crime. Mixing high drama and pitch-perfect black comedy, The Case of the Late Pig is, uniquely, narrated by Campion himself.
 
“Allingham captures her quintessential quiet detective Albert Campion to perfection.”—Daily Express
©2018 GoogleSite Terms of ServicePrivacyDevelopersArtistsAbout Google
By purchasing this item, you are transacting with Google Payments and agreeing to the Google Payments Terms of Service and Privacy Notice.