Ci vuole poco per fare una università migliore: Guardando oltre la «Riforma Gelmini»

© Editrice il Sirente
Anteprima gratis

La "riforma Gelmini" dell'Università è fresca di stampa. Il volume di Vincenzo Zeno-Zencovich costituisce un primissimo commento "a caldo" di una legge di cui molto si è discusso e che ha sollevato intense polemiche. Ma soprattutto il volume indica il percorso che l'università italiana, a prescindere dalle innovazioni legislative, deve seguire - e in larga misura sta già seguendo per fornire servizi didattici di elevata qualità, in linea con l'importanza internazionale del nostro paese. Si tratta di un ideale vademecum per valorizzare il grande potenziale rappresentato dai docenti, dagli studenti e dal personale universitario, con particolare attenzione alla difficile, ma non drammatica, situazione finanziaria degli atenei italiani. Il volume pubblica in appendice il testo della Legge 30 dicembre 2010, n. 240.
Ulteriori informazioni

Reviews

Caricamento in corso...

Altre informazioni

Editore
© Editrice il Sirente
Ulteriori informazioni
Data pubblicazione
31 dic 2011
Ulteriori informazioni
Pagine
216
Ulteriori informazioni
ISBN
9788887847314
Ulteriori informazioni
Caratteristiche
Ulteriori informazioni
Dispositivi di lettura consigliati:
Ulteriori informazioni
Linguaggio
italiano
Ulteriori informazioni
Generi
Istruzione / Superiore
Diritto / Legge e legislazione sull'istruzione
Ulteriori informazioni
Protezione dei contenuti
Questi contenuti sono tutelati da DRM (Digital Rights Management).
Ulteriori informazioni

Informazioni sulla lettura

Smartphone e tablet

Installa l'app Google Play Libri per Android e iPad/iPhone. L'app verrà sincronizzata automaticamente con il tuo account e potrai leggere libri online oppure offline ovunque tu sia.

Portatili e computer

Puoi leggere i libri acquistati in Google Play utilizzando il browser web del computer.

eReader e altri dispositivi

Per leggere i libri su dispositivi e-ink come Sony eReader o Barnes & Noble Nook, devi scaricare un file e trasferirlo sul dispositivo. Per trasferire i file su eReader supportati, segui le istruzioni dettagliate del Centro assistenza.
Liù Catena
Miguel D'Addario
PEDAGOGIA UNIVERSITARIA
Dal riflesso condizionato al pensiero scientifico
scritto da Miguel D'addario Ph.D
Si può affermare che il pensiero pedagogico iniziò il proprio sviluppo sin dagli albori dell'umanità.
Si tengono in considerazione soprattutto quali sono i fattori e le situazioni circostanti che accompagneranno il docente nel momento d'impartire un programma di formazione; Oggetto che poche volte è considerato e che forma una parte importante della struttura educativa.
I responsabili o i direttori dei centri educativi, sia quelli d'estrazione pubblica che quelli di carattere privato, dovranno sapere che l'educazione non riguarda solamente il docente come unico ed esclusivo responsabile, ma riguarderà anche tutte quelle risorse che andranno a formare il lavoro educativo, sia le risore tecnologiche ed umane, che quelle organizzative e contrattuali; tutte quelle somministrate ad ogni centro di formazione e sotto la responsabilità dei propri amministratori.
Davanti a questa situazione, emerge che la positività del corpo alunni e docenti, sia questa maggiore o minore, sarà inversamente proporzionale all'insufficenza di risorse prima menzionate. E' molto difficile essere efficace per un professore quando le risorse didattiche sono inesistenti o soggette a carenze permanenti. La didattica può essere studiata da tra prospettive: 1) Come campo di conoscenza scientifico; 2) Come disegno o sviluppo di un curriculum e 3) in quanto alle sue strategie metodologiche. (Marquès 2000)
Alberto Panzarasa
Gli autori hanno una lunga esperienza come insegnanti di Fisica nella scuola secondaria superiore.

Alberto Panzarasa ha conseguito il dottorato di ricerca in Fisica presso l’Università di Torino e collabora alle attività scientifiche dell’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (INFN). Ha svolto attività di ricerca nel campo della fisica nucleare sperimentale e ha circa cinquanta pubblicazioni su riviste scientifiche internazionali, da circa dieci anni svolge attività di insegnamento presso scuole superiori di secondo grado, tecniche e professionali, e in corsi di formazione post-diploma e universitari oltre a corsi di aggiornamento per insegnanti nel settore scientifico.

Sergio Benigni è laureato in ingegneria e affianca l’attività di libero professionista a quella di insegnante trasferendo nella scuola le tematiche del mondo del lavoro. Dal 1993 ha adottato una didattica induttiva che attraverso l’attività laboratoriale permette agli studenti di cimentarsi direttamente negli esperimenti di laboratorio e comprendere la natura dei fenomeni fisici. E’ formatore in corsi post-diploma e di formazione permanente per ingegneri, architetti, geometri e periti.

Il testo scritto è il frutto di anni di collaborazione nell’insegnamento e costituisce una innovazione per l’introduzione di schemi grafici, approfondimenti, test ed esercizi applicativi. In particolare, l’impostazione nella trattazione degli argomenti è ricca di esempi pratici e vengono messe in risalto le applicazioni che gli argomenti trattati hanno nella vita comune. Il testo sarà poi arricchito dall’uso di una piattaforma di e-learning che è in fase di definizione e completamento e servirà sia al docente, sia agli allievi per arricchire la didattica avvantaggiandosi di tutti i benefici introdotti dalla multimedialità.

Il testo è adatto ad ogni tipo di istituto superiore, in particolare ad istituti tecnici e professionali.
©2017 GoogleTermini di servizio del sitoPrivacySviluppatoriArtistiTutto su Google
Acquistando questo articolo, esegui una transazione con Google Payments e accetti i relativi Termini di servizio e Informativa sulla privacy.