Pietre di Luce: Squarci di Puglia

naro tales farm - romano nannini
3
Free sample

Pietre di Luce è la meta di un viaggio interiore, il primo punto di approdo di un visionario che come gabbiano in perpetuo volo non trova pace in nessun luogo e “balenando in burrasca”, cede all’attrazione delle forme che posano, alla quiete della Puglia che indugia, al bianco della calce che tutto aliena e seduce.

Mura e pietre, come possenti braccia materne evocano la dignità e la fierezza delle donne di un tempo, la bellezza sacrale di una madre come tante, materia che al sole si concede per generare, senza sosta, inattesi e inesplorati campi di energia e meraviglia.

Geometrie che evocano latitudini aliene. L’homo digitalis le percorre a scatti e versi, nel tentativo audace di giungere, attraverso l’elaborazione di squarci naif, ad un ridimensionamento globale della complessità della vita moderna, delle sue infinite tentazioni e distrazioni, angosce e sviamenti.

Tutto in fondo è così semplice! La luce così veloce! La pietra così materna! 

Read more

About the author

 

Read more

Reviews

5.0
3 total
Loading...

Additional Information

Publisher
naro tales farm - romano nannini
Read more
Published on
Dec 12, 2014
Read more
Pages
68
Read more
Language
Italian
Read more
Genres
Photography / General
Poetry / General
Read more
Content Protection
This content is DRM protected.
Read more
Read Aloud
Available on Android devices
Read more

Reading information

Smartphones and Tablets

Install the Google Play Books app for Android and iPad/iPhone. It syncs automatically with your account and allows you to read online or offline wherever you are.

Laptops and Computers

You can read books purchased on Google Play using your computer's web browser.

eReaders and other devices

To read on e-ink devices like the Sony eReader or Barnes & Noble Nook, you'll need to download a file and transfer it to your device. Please follow the detailed Help center instructions to transfer the files to supported eReaders.
Ludovico Ariosto
EDIZIONE ILLUSTRATA CON 80 SPLENDIDE TAVOLE DI DORÉ

(per ingrandire fai doppio tap sull'immagine!)

L’Ariosto inizia a comporre l’Orlando Furioso tra il 1504 e il 1505, e ne pubblica la prima edizione nel 1516; ma in pratica continuerà a rivedere e correggere l’opera per tutta la vita. L'ultima revisione – a carattere soprattutto stilistico, con lo sfoltimento dei latinismi e delle forme dialettali emiliane a vantaggio del toscano letterario – vede la luce nel 1532, poco prima della morte del poeta. Il poema si pone come un proseguimento dell’Orlando Innamorato del Boiardo: l’Ariosto stesso presenta l’opera come un’aggiunta a quella dell’illustre predecessore; i protagonisti principali sono i medesimi, e ugualmente presente è la commistione tra ciclo epico-religioso e quello d’amore e avventura (con però una netta prevalenza di quest’ultimo). D’altra parte la materia dell’Orlando Furioso è quasi tutta preesistente all’Ariosto, che da questo punto di vista si limita a rivisitare, integrare e cucire materiale proveniente dalla grande tradizione del romanzo cavalleresco, dalla novellistica, dai canti popolari, dai classici greci e latini (Omero, Virgilio, le Metamorfosi di Ovidio), da opere storiche e geografiche. L’Ariosto è infatti abilissimo nel mescolare sapientemente la tradizione colta con quella popolare, secondo una tendenza tipica della letteratura umanistica e rinascimentale. Il filo rosso che lega le trame del poema è senza dubbio l’avventura, che presenta a tratti un ritmo incalzante e rocambolesco; la fittissima trama di episodi e personaggi determina una sorta di groviglio inestricabile, che naturalmente non è affatto incontrollato, ma al contrario sapientemente guidato dalla maestria compositiva del poeta, e dalla sua perfetta padronanza degli schemi narrativi.  

©2017 GoogleSite Terms of ServicePrivacyDevelopersArtistsAbout Google
By purchasing this item, you are transacting with Google Payments and agreeing to the Google Payments Terms of Service and Privacy Notice.