La nascita dell'approccio quantitativo alla conoscenza

Leonardo Benvenuti
Free sample

Estratto da "Argomenti di Sociologia".

L'intero testo è stato scritto da tre autori:
  • Leonardo Benvenuti, Capitolo primo: "La nascita dell'approccio quantitativo alla conoscenza"
  • Giuliano Piazzi, Capitolo secondo: "Valore di scambio"
  • Antonio Roversi, Capitolo terzo: "Politica e società, su alcuni temi della sociologia"
Read more
Collapse
Loading...

Additional Information

Publisher
Leonardo Benvenuti
Read more
Collapse
Published on
Mar 17, 2019
Read more
Collapse
Pages
182
Read more
Collapse
ISBN
9788832543148
Read more
Collapse
Read more
Collapse
Read more
Collapse
Language
Italian
Read more
Collapse
Genres
Education / Teaching Methods & Materials / Social Science
Psychology / Education & Training
Social Science / Demography
Social Science / Emigration & Immigration
Social Science / Social Work
Social Science / Statistics
Read more
Collapse
Content Protection
This content is DRM free.
Read more
Collapse
Read Aloud
Available on Android devices
Read more
Collapse

Reading information

Smartphones and Tablets

Install the Google Play Books app for Android and iPad/iPhone. It syncs automatically with your account and allows you to read online or offline wherever you are.

Laptops and Computers

You can read books purchased on Google Play using your computer's web browser.

eReaders and other devices

To read on e-ink devices like the Sony eReader or Barnes & Noble Nook, you'll need to download a file and transfer it to your device. Please follow the detailed Help center instructions to transfer the files to supported eReaders.
Nella società odierna siamo sommersi di dati che viaggiano alla velocità della luce, eppure la mancanza di familiarità con il ragionamento statistico è molto diffusa e questo produce un’infinità di scelte sbagliate. A volte con effetti poco rilevanti, altre volte con conseguenze anche gravi per la salute o la sicurezza pubblica. Eppure per ragionare in maniera statistica non c’è bisogno di conoscere la statistica, ma solo di ragionare in maniera diversa di fronte agli eventi della vita quotidiana.
Infatti siamo spesso vittime di condizionamenti e comportamenti stereotipati che, molto più spesso di quanto crediamo, ci fanno sbagliare nel prendere le decisioni.
In questo libro si parla di bias cognitivi, di correlazioni spurie e di valutazione di rischi, ma senza usare formule o modelli statistici. Si cerca di spiegare che in realtà non esiste una sfortuna che ci perseguita ma solo una serie di eventi con determinate probabilità di accadimento.
Affidarsi a un certo tipo di ragionamento, depurato da stereotipi e automatismi comportamentali che ci rendono la vita difficile, può essere anche divertente. In altre parole, sapendo come funziona la statistica si possono evitare molti errori, arrabbiature inutili, spese extra e piccoli incidenti quotidiani.
A volte con rigore scientifico, a volte scherzando, si spiega come è più conveniente per la nostra salute bere un caffè al bar con la mano sinistra. Si racconta tutto con una storia di una giornata tipo, il cui protagonista può essere ognuno di noi. Alzarsi la mattina, fare colazione, andare a lavoro, guidare un’automobile, parcheggiarla, bere un caffè al bar, fare la spesa, entrare in un negozio, archiviare dei documenti o prendere una birra dal frigo. Sono tutte situazioni dove apparentemente la statistica non c’entra, ma dove invece il ragionamento statistico è importantissimo, e in questo libro l’autore spiega come fare “statisticamente” ogni cosa.
Lo scopo del libro è anche di far sorridere, ma si possono anche approfondire le cose dette e prendere spunto per ragionare su tanti altri aspetti legati ai nostri stili di vita. Capire quali sono le situazioni più pericolose da un punto di vista statistico può farci spostare la nostra attenzione sulle cose davvero importanti della vita, per valutarne correttamente i rischi.
Molti hanno paura di prendere l’aereo però guidano ogni giorno l’automobile, e a volte anche in maniera disattenta, mentre la probabilità di morire in un incidente automobilistico è molto più alta rispetto a quella di morire per incidente aereo.
Contro i bias cognitivi il ragionamento statistico è molto potente. Ci vuole un po’ di tempo per abituarsi ma con la pratica si raggiungono ottimi risultati. Ragionate statisticamente e la vita sarà più semplice. Applicate la mia legge nella vostra vita quotidiana: «Se qualcosa può andar male, c’è una spiegazione statistica» e non sarete più una vittima della legge di Murphy.
©2019 GoogleSite Terms of ServicePrivacyDevelopersArtistsAbout Google|Location: United StatesLanguage: English (United States)
By purchasing this item, you are transacting with Google Payments and agreeing to the Google Payments Terms of Service and Privacy Notice.