Una vita così

goWare
Free sample

Il temperamento coraggioso sorregge Giacinta attraverso le mille ingiustizie di una vita sempre tragicamente uguale a se stessa: dal perbenismo della provincia italiana del Dopoguerra da cui tenta di fuggire, alle aspettative disilluse di una Milano tragicamente diversa da come immaginava.

Scelte obbligate la metteranno in una condizione scomoda e difficile dalla quale, però, riuscirà a liberarsi conservando i propri sogni e il proprio equilibrio, emergendo infine come una delle prime donne moderne in grado di combattere la violenza fisica e sociale.
Read more
Loading...

Additional Information

Publisher
goWare
Read more
Published on
Dec 19, 2016
Read more
Pages
140
Read more
ISBN
9788867976850
Read more
Language
Italian
Read more
Genres
Fiction / Romance / General
Fiction / Romance / Historical / 20th Century
Read more
Content Protection
This content is DRM free.
Read more
Read Aloud
Available on Android devices
Read more

Reading information

Smartphones and Tablets

Install the Google Play Books app for Android and iPad/iPhone. It syncs automatically with your account and allows you to read online or offline wherever you are.

Laptops and Computers

You can read books purchased on Google Play using your computer's web browser.

eReaders and other devices

To read on e-ink devices like the Sony eReader or Barnes & Noble Nook, you'll need to download a file and transfer it to your device. Please follow the detailed Help center instructions to transfer the files to supported eReaders.
Nuova edizione del 10 giugno 2015 con note esplicative dei termini e delle frasi straniere

Così come un secolo prima Le ultime lettere di Jacopo Ortis di Ugo Foscolo aveva diffuso in Italia la corrente e la sensibilità romantica, Il piacere e il suo protagonista Andrea Sperelli introducono nella cultura italiana di fine Ottocento la tendenza decadente e l'estetismo.

Il piacere è il primo romanzo Gabriele D'Annunzio e fin dalla sua prima pubblicazione, nel 1889, ebbe un grande successo letterario. Il romanzo, incentrato sulla figura dell'esteta decadente, inaugura una nuova prosa introspettiva e psicologica, destinata ad avere un grande successo, che rompe con i canoni estetici del naturalismo e del positivismo allora imperanti e che gli consentirà di indagare gli errori e le contrarietà della vita. Accanto a lettori ed estimatori più attenti e colti, venne presto a crearsi attorno alla figura di D'Annunzio un vasto pubblico condizionato non tanto dai contenuti, quanto dalle forme e dai risvolti divistici delle sue opere e della sua persona, un vero e proprio star system ante litteram, che lo stesso scrittore contribuì a costruire deliberatamente. Egli inventò uno stile immaginoso e appariscente di vita da "grande divo", con cui nutrì il bisogno di sogni, di misteri, di "vivere un'altra vita", di oggetti e comportamenti-culto che stava connotando in Italia la nuova cultura di massa.

Come affermò Benedetto Croce, con d'Annunzio «risuonò nella letteratura italiana una nota, fino ad allora estranea, sensualistica, ferina, decadente», in contrapposizione al naturalismo e al positivismo che in quegli anni sembravano aver ormai conquistato la letteratura italiana (basti pensare che nello stesso anno viene pubblicato un capolavoro del Verismo come il Mastro don Gesualdo di Giovanni Verga).

Il piacere è stato scritto nel 1888 a Francavilla al Mare e pubblicato per la prima volta l'anno seguente dai Fratelli Treves. A partire dal 1895 recherà il sopratitolo I romanzi della Rosa, formando un ciclo narrativo con L'innocente e Il trionfo della morte, trilogia dannunziana di fine Ottocento.

§

Gabriele D'Annunzio, a volte scritto d'Annunzio, nome con cui usava firmarsi, dal 1924 Principe di Montenevoso (Pescara, 12 marzo 1863 – Gardone Riviera, 1o marzo 1938), è stato uno scrittore, poeta, drammaturgo, aviatore, militare, politico, patriota e giornalista italiano, simbolo del Decadentismo italiano, del quale fu il più illustre rappresentante assieme a Giovanni Pascoli, Svevo e Pirandello, ed eroe di guerra.

Soprannominato il Vate, cioè "il profeta" cantore dell'Italia umbertina, occupò una posizione preminente nella letteratura italiana dal 1889 al 1910 circa e nella vita politica dal 1914 al 1924. Come letterato fu «eccezionale e ultimo interprete della più duratura tradizione poetica italiana [...]»e come politico lasciò un segno nella sua epoca e una influenza sugli eventi che gli sarebbero succeduti.
©2018 GoogleSite Terms of ServicePrivacyDevelopersArtistsAbout Google|Location: United StatesLanguage: English (United States)
By purchasing this item, you are transacting with Google Payments and agreeing to the Google Payments Terms of Service and Privacy Notice.